Intervista al maestro Luigi Veronelli

L' esser tornato a Fondi, questo settembre, mi ha fatto tornare giovane. Certo, la processione di Sant' Onorato ( le donne seguono il busto argenteo del Patrono, sciolti i capelli e a piedi nudi, cantando antiche nenie popolari), 50 e più anni or sono fù uno dei miei primi amori. Ma, certo più, il paese in se stesso, alle pendici dei Monti Ausoni, avanti al grande piana coltivata a serre e agrumeti, il lago omonimo, la Selva Vetere e il mare. Fondi ha lunga storia, romana e medioevale. A me piace ricordare due fatti: nelle sue mura ebbe luogo, nel 1387, il conclave che, in opposizione ad Avignone, sancì l'elezione di Roberto di Ginevra al soglio pontificio quale Clemente VII e lo scisma d'occidente. Kaireddin Barbarossasbarcò a Sperlonga, il 6 agosto 1534, e si gettò su Fondi per rapirvi Giulia Gonzaga, bellissima, giovane e vedova. Giulia gli sfuggì per nulla, calatasi da una finestra, seminuda com'era, a cavallo tra le braccia di un non insensibile palafreniere.
La rappresaglia del Barbarossa fu terribile. massacri e incendi. ma anche Giulia si vendicò: fece giustiziare il palafreniere, reo di averla ammirata "al di là".  In fondi esigono visita la Cattedrale di San Pietro  del 1136 ( su un tempio pagano; all'interno, curiosa la sedia marmorea magnificamente lavorata a mosaico che servì per l'incoronazione di Clemente VII) ; la Chiesa di Maria Santissima Assunta  del 1490 ( bellissimo il gruppo di marmo nella lunetta del portale di centro) ; il Castello baronale ( superbo il mastio alto 33 metri) e le quattro grandiose torri cilindriche; il Torrione, del XII secolo, poderosa base quadrata e vertice cilindrico; infine, la Cerchia delle Mura, in cui si riconosconoi segni delle successive costruzioni romane e medievali. Nè dimenticare il Lago di Fondi che flora di eccezionale ricchezza e fauna marina per la sua diretta comunicazione al mare attraverso vari canali.
Aggiunto che alcuni artigiani battono ancora, e bene, il rame; che vi sono qualificate colture di primizie; che i vini , zerghi e gradevoli, meriterebbero valorizzazione ...dove andiamo a mangiare?
In Fondi hai il ristorante Vicolo di Mblò famoso per le zuppe: rustica con bietola, cannellini, pane nero e pomodori; antica con zucca, fagioli dall' "occhio nero" , cicoria, pane di mais; di pesce fresco.

Le Guide

image image image image image image image image image image image image image

Articoli

  • Il Messaggero
  • La Repubblica
  • Class
  • Der Feinschmecker
  • La cucina italiana
  • Ristoranti d'Italia del Gambero Rosso
  • I ristoranti di Veronelli
  • I ristoranti d'Italia
  • Osterie d'Italia
  • L'Espresso
  • Michelin

ITA: Questo sito utilizza i cookie. LEGGI LA COOKIE POLICY
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altro modo, acconsenti all’uso dei cookie.

ENG: This site uses cookies and similar technologies. READ COOKIE POLICY
By closing this banner, scrolling this page, clicking on a link or going on browsing in any other way, you consent to the use of cookies.

DEU: Unsere Website verwendet Cookies. READ COOKIE POLICY
Wenn Sie Browser-Einstellungen nicht ändern, stimmen Sie es.